Tu sei qui

Toponomastica

Nosedo (MI)

NOSEDO (MI)

È il nome di un antichissino insediamento della pianura a sud di Milano, sorto a una manciata di chilometri dal centro della metropoli sul tracciato della antica arteria consolare romana Milano-Piacenza. In età medievale, divenuto proprietà dell’abbazia di Chiaravalle sorta nelle sue vicinanze fu progressivamente ridotto a una delle sue numerose grange, le grandi aziende agricole cistercensi. Nel corso dell’età contemporanea, con l’espansione del tessuto urbanistico del capoluogo, Nosedo è divenuto un quartiere della città di Milano.

Noviglio (MI)

NOVIGLIO (MI)

È un piccolo comune di oltre 4.000 abitanti ubicato nella pianura irrigua 20 km a sud-ovest di Milano, già in pieve di Rosate. Il comune, composto dalle frazioni (che un tempo erano villaggi a sé stanti) di Noviglio, Mairano, Tainate, Santa Corinna e Conigo, ha sede nella frazione Mairano.

Pantigliate (Mi)

È un comune di circa 6.000 abitanti, situato nella pianura 15 Km a sud-est di Milano, tra gli abitati di Peschiera Borromeo e Caleppio.
Nella dizione dialettale Pantià e Pantijà (DETI, p. 390). Il toponimo è attestato per la prima volta nell’anno 859 d.C. come Panteliate (Giulini I, p. 222) e così continua a essere riportato nella documentazione fino al secolo XIII (Liber Notitiae, p. 275). La forma definitiva del toponimo Pantigliate si attesta, dunque, tra il tardo medioevo e la prima età moderna.

Rescaldina (Mi)

È un grosso comune di oltre 13.000 abitanti posto a 29 km a nord-ovest di Milano.
Le sue frazioni sono Rescalda e Ravello.
Il toponimo è diminutivo di Rescalda, che designa una frazione dell’attuale comune di Rescaldina, e segnalerebbe uno sdoppiamento dell’abitato molto frequente nei secoli IX-XI del medioevo.

Cerro Maggiore (Mi)

È un comune della pianura milanese di oltre 14.000 abitanti, ubicato a nord-est del fiume Olona a 25 Km da Milano.
La sua unica frazione è Cantalupo, già villaggio dotato di un proprio territorio in età medievale.
Fino all’Unità d’Italia si era denominato soltanto Cerro; poi, per distinguerlo dal più piccolo abitato di Cerro al Lambro, con Regio Decreto 23-10-1862 (DETI, p .147) vi si aggiunse la specificazione Maggiore.

 

Accesso utenti già registrati