Tu sei qui

Dietro le barricate: istantanee dal 1848. Momenti di vita quotidiana al tempo delle Cinque Giornate di Milano

Venerdì 18 marzo (ore 15.00 - 17.30) Palazzo Archinto in Via Olmetto 6 a Milano apre di nuovo le porte al pubblico in occasione della Settimana "Ispirati dagli archivi", promossa dal 14 al 19 marzo 2016 dall'Associazione Nazionale Archivistica Italiana (ANAI).
Già a partire dalle ore 15.00 sarà possibile visitare l'esposizione di alcuni dei più preziosi documenti dell'Archivio storico e ammirare i cortili porticati del palazzo con il glicine più antico del centro di Milano.
Dalle ore 16.00 alle 17.30  si svolgerà poi un incontro laboratoriale  intitolato: Dietro le barricate: istantanee dal 1848. Momenti di vita quotidiana al tempo delle Cinque Giornate di Milano, con esercitazione e lettura di documenti inediti.

L’incontro - a cura di Daniela Bellettati, Francesco Lisanti e Roberta Madoi -  intende offrire uno sguardo inconsueto su un periodo della storia milanese ben conosciuto, ma che riserva ancora molte sorprese.
Saranno infatti le piccole storie di gente comune colte dalla rivolta delle Cinque Giornate milanesi, episodi noti solo alle cronache dell’epoca ma poi dimenticati, ad emergere per la prima volta dalle carte d'archivio conservate presso l'ASP Golgi-Redaelli.

Fonte di riferimento principale è la preziosa documentazione prodotta dalla Commissione di soccorso creata dal Governo Provvisorio nei giorni immediatamente seguenti alla rivolta antiaustriaca del marzo 1848 per offrire un sostegno economico a coloro che erano stati danneggiati finanziariamente durante la sommossa.
Testimonianze uniche di vita milanese nei giorni immediatamente seguenti alle barricate delle Cinque Giornate, questi documenti sono fortunosamente sopravvissuti ai bombardamenti dell’agosto del 1943, che devastarono invece il Museo del Risorgimento presso cui erano stati quasi interamente trasferiti.
Tra le richieste di sussidio più efficaci, si leggeranno quella di un giovane studente di medicina (uno studente "fuori sede", diremmo oggi), o le parole di una vedova priva di mezzi, o quelle di un industriale danneggiato dalla soldataglia scatenata nel saccheggio, senza tralasciare persino una lettera autografa di Garibaldi in cui l’eroe chiede alla Commissione un piccolo sussidio per due patrioti in attesa di entrare nelle sue truppe.

La locandina dell'evento è scaricabile  → qui.


La partecipazione è libera e gratuita.
Per agevolare gli aspetti organizzativi, gli interessati sono invitati cortesemente a segnalare la loro adesione via mail, a didattica@golgiredaelli.it,  oppure al telefono: 02 72518271 (in orari d'ufficio:  9.00 - 13.00  e 14.30 - 16.30).

L'incontro è inoltre promosso da IRIS, socia di Clio ’92 e del LANDIS, soggetti qualificati per l’aggiornamento in base al DM 177/2000, e quindi dispone dell’autorizzazione alla partecipazione in orario di servizio per il personale di ogni ordine e grado di scuola, ai sensi della Direttiva n.90/2003, dell’art. 453 del DLgs 297/1994 e dell’art. 67 del CCNL 29.11.2007. A ogni partecipante che ne faccia richiesta verrà rilasciato un attestato di frequenza.
 


Per informazioni:
tel.:    0272518.271  oppure  0272518.324
maildidattica@golgiredaelli.it
webwww.officinadellostorico.it   /  www.culturagolgiredaelli.it
Facebook::   L'Officina dello storico   /  Il tesoro dei poveri
 

 

 

 

Accesso utenti già registrati