Tu sei qui

paesaggio

Istituto Enciclopedia Italiana – Treccani e Italia Nostra, Le lampade di Aladino, collana di strumenti educativi

Consigliamo qui la collana di strumenti educativi rivolti in particolare ai docenti, intitolata Le lampade di Aladino, pubblicata a cura dell'Istituto Enciclopedia Italiana – Treccani e Italia Nostra.

"Conoscere il paesaggio: metodi e strumenti", corso di aggiornamento proposto dalla Sezione di Milano di Italia Nostra

La Sezione di Milano di Italia Nostra propone un corso di aggiornamento per insegnanti dedicato ai metodi e agli strumenti per la conoscenza del paesaggio, organizzato nell'ambito del Progetto Educativo Nazionale 2015-2016 "Le pietre e i cittadini".

Raccontare con simboli, colori e toponimi: il linguaggio delle mappe per leggere il territorio

La gestione dei numerosi poderi sparsi nel territorio, amministrati dai Luoghi pii elemosinieri, ha prodotto nel corso dei secoli una documentazione particolarmente ricca, preziosa soprattutto per far luce, oltre che sulle strategie immobiliari degli antichi enti assistenziali, anche sulle consuetudini agricole, sulle scelte legate alle colture praticate, sulle modalità di sfruttamento della fitta rete irrigua, e in definitiva sull'organizzazione stessa del paesaggio agrario del passato.

Recensioni del volume "Il paese dell'acqua. I Luoghi Pii Elemosinieri di Milano e le loro terre"

Siamo lieti di segnalarvi alcune belle recensione del volume edito dall'ASP Golgi-Redaelli - NodoLibri (Milano-Como, 2013), pubblicate rispettivamente sui quotidiani La Repubblica (a cura di Filippo Azimonti), di venerdì 20 dicembre 2013, in Ordine e Libertà ( a cura di Alberto Marini), di sabato 4 gennaio 2014, su Il Giorno (a cura di Carla Maria Casanova), di domenica 5 gennaio 2014, su il Corriere della Sera (a cura di Antonio Bozzo) domenica 2 febbraio 2014.

Il paese dell’acqua. I Luoghi Pii Elemosinieri di Milano e le loro terre

Mercoledì 4 dicembre 2013 (ore 17.30), presso il Centro Congressi Fondazione Cariplo in via Romagnosi 8, a Milano, è stato presentato il volume "Il paese dell’acqua. I Luoghi Pii Elemosinieri di Milano e le loro terre: un itinerario nel paesaggio dal medioevo ai nostri giorni", frutto di un approfondito lavoro di scavo nelle antiche carte degli enti caritativi confluite nell'Archivio nell’Azienda di Servizi alla Persona Golgi-Redaelli.

Quando l'Europa ci invidiava. Viaggiatori, scienziati, agronomi alla scoperta della Bassa Lombardia (XVIII-XIX secolo).

Venerdì 28 ottobre 2011 (dalle ore 9.30), presso il Ridotto del Teatro alle Vigne di Lodi, in via Cavour 66, ha avuto luogo una giornata internazionale di studi sull'interesse suscitato in Europa, a partire dalla seconda metà del Settecento, dal paesaggio delle campagne della Bassa Lodigiana.

La memoria del paesaggio agrario e le trasformazioni del territorio

Attraverso la lettura critica delle numerose testimonianze storiche relative al territorio è possibile imparare ad osservare lo spazio in prospettiva, e a riconoscere l’insieme dei segni dovuti all’interazione dell’uomo con l’ambiente, cogliendo i fattori determinanti per le trasformazioni del paesaggio e gli elementi fondamentali che hanno contribuito a formare l’identità culturale dei luoghi.
Numerosi sono i temi di approfondimento suggeriti dalla ricchissima documentazione e dai preziosi materiali iconografici conservati presso l’Archivio dell’ASP Golgi-Redaelli, quale erede secolare dei Luoghi pii elemosinieri di Milano.

Storie di cascina. Il podere Cantalupo e l'evoluzione del paesaggio agrario nelle carte d'archivio

Il caso del podere Cantalupo, tuttora di proprietà dell’ASP Golgi-Redaelli, offre lo spunto per mettere a fuoco alcuni aspetti del mondo rurale e del paesaggio agrario della bassa pianura milanese, seguendone lo sviluppo fino ai giorni nostri.
La documentazione conservata interessa un periodo piuttosto ampio, dal XVII secolo in poi: il confronto tra i diversi modi di coltivare i terreni agricoli, consente di riflettere sulle differenti modalità di sfruttamento del territorio e sugli effetti di queste strategie sull’assetto e sulla percezione del paesaggio.

Le trasformazioni del territorio: il Podere Ponte dell’Archetto a Villapizzone, nella periferia nord-ovest di Milano

Dedicato alle vicende di un podere originariamente situato nella campagna nord-occidentale di Milano, e oggi del tutto inglobato dall’espansione urbana degli ultimi decenni, il laboratorio propone un percorso di ricerca che consente di ricostruire i momenti più significativi dell’espansione urbana e delle trasformazioni della città e del suo contesto a partire dagli ultimi decenni dell’Ottocento.
La lettura della documentazione storica relativa al patrimonio immobiliare può trovare qui interessanti riscontri nel confronto con la situazione attuale dei luoghi indagati, accessibili alle classi nel corso di eventuali visite organizzate dagli insegnanti.

 

Accesso utenti già registrati